Rivenditori del Nulla

Oggi mi è capitato di dover cercare una soluzione software per macchine virtuali VMWare. In realtà era una cosa di cui mi ero occupato due anni e mezzo fa. Avevo trovato una società NON italiana che vendeva un software che funzionava sotto VMWare.

All’epoca mi chiamarono per chiedere dettagli su ciò che mi serviva, organizzarono una call-conference e mi spiegarono tutto, ma la soluzione, all’epoca, non si adattava alle nostre esigenze, oggi la stessa soluzione andrebbe bene.

Continua a leggere

KDE 4.9 e Linux 3.5 che potenza!

Sì, decisamente. Ad avere un quad core magari a 3 GHz!

Su un portatile HP con 1,2 GByte di RAM e Centrino a 1.5 GHz si blocca tutto. Responsività prossima allo zero. Applicazioni che non si aprono. KFontView che va lanciata due volte. Il tutto dopo aver lanciato KMail.

Continua a leggere

Rilasciato KDE 4.6.2: W Gnome 3.0

Il titolo potrà sembrare provocatorio. E lo è. È volutamente provocatorio. Potrei scrivere un articolo satirico.

Due giorni fa aggiornando la versione di KDE da 4.6.1 a 4.6.2 mi sono fatto una grassa risata. Risolti dei fastidiosi bug, finalmente con il rilascio di Akonadi 1.5.2 KMail non soffre più all’avvio, con le kdelibs 4.6.2 e kdebase 4.6.2 il kio slave SFTP si è quasi ripreso.

Continua a leggere

Facebook & us…

Sì, quel social network lì… quella rete sociale lì… è il “male in terra” (nota le virgolette). E le cose che sono il “male in terra” sono quelle che vengono usate molto più.

Ho visto il film sulla storia della nascita di Facebook… Una squallida storia di interessi economici e forse più che di questo, di visibilità. Di potere. Il creatore voleva che tutti lo conoscessero per aver fatto una cosa bellissima che avrebbero usato tutti…

Continua a leggere

Sezione “Interviste”

Ecco il duro lavoro richiama e mille altri progetti vogliono essere completati, ma nel frattempo sto lavorando per voi e per il dot.kde.org . Sono in arrivo almeno tre sorprese. Ci sono almeno tre nuove interviste interessanti che attendono nella posta per essere sistemate e pubblicate. L’impegno che ho preso con voi lettori del sito non si è esaurito, piuttosto sono le giornate di sole 24 ore che passano senza nemmeno essersi resi conti che sono belle che andate.

Continua a leggere

KDE 4.3? No, grazie, io passo!

Questo articolo nasce dalla necessità di capire perché certe scelte fatte su KDE e se queste mi vanno bene o meno. Naturalmente un’opinione personale di riflessione spero non scoraggi chi vuole usare KDE 4. Non sono qui a mettere in cattiva luce il lavoro di tanti sviluppatori criticandolo oppure osannandolo a tutti i costi dicendo che è il prodotto perfetto per tutti e che tutti dovrebbero usarlo.

Continua a leggere a tuo rischio e pericolo. Sopratutto se non riuscirai a cogliere la mia ironia e se non sai distinguere quando sto parlando seriamente e quando invece sto lavorando con le parole.

Continua a leggere

Internet morirà e cambierà tutto in peggio?

Riporto l’intero testo che potete trovare anche alla seguente fonte: http://ilprogettoarancione.wordpress.com/2009/05/05/la-resa-dei-conti-del-telecoms-package-a-bruxelles/

La resa dei conti del Telecoms Package a Bruxelles

Ancora una volta sono costretto a parlare del famigerato Telecoms Package (http://en.wikipedia.org/wiki/Telecoms_Package).

Per chi non lo sapesse, il Telecoms Package è un insieme di misure che è stato presentato nel 2008 come proposta di legge al Parlamento Europeo grazie alla sponsorizzazione di Nicolas Sarkozy, di alcune delle associazioni di discografici europee e di alcune multinazionali telefoniche, come AT&T e Verizone.

Il Telecoms Package contiene alcune proposte che si possono solo definire vessatorie, rozze ed ingiuste. Tra queste, posso citare le seguenti.

  • L’obbligo per gli ISP di agire come poliziotti della rete per conto delle case discografiche, SENZA bisogno del mandato di un giudice.
  • L’obbligo di staccare definitivamente l’ADSL a chi viene “beccato” per tre volte a scaricare musica o film abusivamente, SENZA bisogno del mandato di un giudice (e continuando a fargli pagare l’abbonamento).
  • Pene amministrative da infarto per chi scarica musica e film, somministrate , SENZA bisogno del mandato di un giudice.
  • L’obbligo di intercettare le comunicazioni degli utenti, SENZA bisogno del mandato di un giudice.
  • L’obbligo per gli ISP di bloccare le comunicazioni non gradite alle case discografiche ed alle industrie del cinema, come eMule, SENZA bisogno del mandato di un giudice.

Continua a leggere

Qt Contest 2008 news

Qualcuno avrà di sicuro letto il mio articolo su cui ero rimasto molto deluso dal modo di gestire il Qt Contest 2008. Ebbene come sempre sono stato impulsivo e impaziente. Ormai questo mio lato del carattere è diventata la mia spina nel fianco… Nella vita bisogna avere più pazienza. Il povero organizzatore se l’è vista brutta…

Continua a leggere